Ho organizzato il mio terzo viaggio safari con quattro amici credendo di aver già visto tutto, ma ogni volta è un’esperienza diversa, unica e sempre più emozionante!!

 

ITINERARIO DI VIAGGIO

 

     

     

     

    Giorno 1-2 – ARRIVO ALL’ AREOPORTO KILIMANJARO ARUSHA

     

    Partiamo con entusiasmo dall’areoporto di Milano Malpensa per il Ns. viaggio in Tanzania con un carico di ben dieci bagagli colmi di vestiti per i bambini locali, quando vado in Africa oltre alla vacanza cerco sempre di fare nel mio piccolo un poco di solidarietà, fare felice qualcuno non costa niente, a parte un un pò di fatica nel riempire le valigie appunto, direzione Tanzania, Africa!

     

    Arrivati all’areoporto Kilimanjaro di Arusha c’è Ibrahim ad aspettarci e da qui inizia la Ns. avventura ma siamo stravolti dal lungo viaggio, quello che ci vuole è una dormita rigenerante. Dopo un’ottima colazione la mattina seguente siamo pronti a partire con tutte le nostre valigie per portarle alla Scuola Posa di Arumeru, frequentata da bambini malati o con parenti affetti da AIDS, i miei amici si sono commossi nel vedere la felicita’ nei loro occhi anche solo nel ricevere un palloncino.

     

    primo piano bambino africano in tanzania

     

    Il pranzo tipicamente tanzaniano a base di Chapati e banane fritte, offerto dal fondatore della scuola è molto delizioso. Per finire una passeggiata al mercato di Arusha per assaporare un po’ di vita tanzaniana.

     

    Giorno 3 – PARCO NAZIONALE DEL LAGO MANYARA

     

    Entriamo nel vivo del viaggio in Tanzania, si parte infatti per il Parco Nazionale del Lago Manyara, un suggestivo parco dichiarato dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 1981 dove furono girati addirittura i primi film di Tarzan.

     

    Eccoci davanti all’ingresso del parco, siamo tutti ansiosi di entrare, gli occhi ci brillano, le farfalle nello stomaco, una scarica di adrenalina mi attraversa il corpo, incidiamo i nostri nomi sulla pianta di Euphorbia come portafortuna….eccoci il momento è arrivato, ci inoltriamo nella magica foresta del Parco Nazionale del Lago Manyara.

     

    scimmie blu in tanzania

     

    La magia di questo posto è difficile da raccontare, incontriamo animali selvatici di tutti i tipi, scimmie, babbuini, cercopitechi, scimmie blu ,impala, zebre, gnu, ippopotami, bufali, elefanti.. E’ tutto meraviglioso mi sento a casa, vorrei che questi attimi durassero per sempre.

     

    Dopo un’intensa giornata piena di emozioni ed una buona cena al villaggio di Karatu , eccoci tutti insieme davanti al fuoco a raccontarci la giornata trascorsa, siamo tutti entusiasti, il crepitio delle fiamme, le voci i suoni che ci circondano, le emozioni di ognuno si mischiano, un altro momento magico, è tardi domani ci aspetta una giornata piena.

     

    Giorno 4 – NGORONGORO E PARCO NAZIONALE DEL SERENGETI

     

    Il risveglio non è dei migliori, fuori piove, ci guardiamo tutti un po’ preoccupati ma fortunatamente dopo la salita per arrivare ai bordi del Cratere di Ngorongoro già smette.

     

    Ci dirigiamo così come da programmi al Parco Nazionale del Serengeti, durante il percorso incontriamo dei Masai con le mandrie al pascolo e decine di giraffe che mangiano, sono così buffe con i loro colli così lunghi, ci fermiamo all’entrata del Parco Serengeti nella zona di Ndutu per pranzare, da qui salendo sulle rocce è possibile godere di un’impagabile panorama, si apre dinnanzi a noi un’interminabile vasta pianura con un’orizzonte senza fine; nessuno può’ immaginare dall’alto quanti numerosi e diversi animali la abitano.

     

    Ci addentriamo nel parco e riusciamo a vedere innumerevoli animali, ghepardi, iene, avvoltoi, aquile, facoceri, alcefali, gazzelle di Thompson, ippopotami, coccodrilli, leoni, centinaia di uccellini colorati ed altri ancora, i documentari della BBC sembrano roba da dilettanti.

     

     

    A conclusione della giornata andiamo al campo tendato, una bellissima sorpresa con pochissimi turisti, intimo, passiamo una buona cena e ci godiamo il silenzio…. una pace inspiegabile…si sentono solo gli animali con i loro versi ed i loro rumori quando si spostano, mi sembra di toccare il cielo con un dito…il mio Mal d’Africa incominciano a capirlo anche i miei compagni di viaggio, il viaggio in Tanzania procede intenso come da aspettative.

     

    Giorno 5 – GAME DRIVE NELLA SAVANA

     

    Al mattino sveglia all’alba e colazione, le colazioni immersi nel parco mi rendono così felice come in nessun altro posto al mondo.

     

    Iniziamo il game drive nella savana, i sentieri sembrano tutti uguali, ma il nostro esperto autista sa orientarsi molto bene, gli animali non mancano come ieri, ma in questo momento i leoni sono tantissimi, famiglie di decine di esemplari distesi sulle rocce, all’ora di pranzo mangiamo vicino ad un gruppo ancora sporco di sangue, sono sazi, sembrano gattoni che riposano, tant’è che neanche ho pensato a loro come carnivori ed ho assaporato il mio box lunch fuori dalla jeep in tranquillità.

     

    Dopo questa giornata indimenticabile eccoci di ritorno al campo per goderci il tramonto africano con i tutti i suoi colori e lo sfondo degli alberi stilizzati della savana, sembra un quadro etnico, nella mia mente comincia ad aleggiare il pensiero della mia ultima notte qui, quasi quasi la passo senza dormire per assaporarmi al massimo questo momento.

     

    Giorno 6 – PARCO DEL CRATERE DI NGORONGORO

     

    due zebre al PARCO- del cratere di NGORONGORO

     

    Ultima alba nel Serengeti per poi a malincuore uscire e dirigerci al Parco del cratere di Ngorongoro, mentre scendiamo lo spettacolo è unico, sembra impossibile, una concentrazione di animali di specie diverse che brucano,corrono, zampettano, cacciano e volano in assoluta tranquillità ed armonia, tutto intorno il silenzio e solo il fruscio di un leggero venticello, mi sembra di essere a bordo dell’arca di Noè, mi sarebbe piaciuto esserci.

     

    Eccoci al Ns. ultimo pranzo, giusto il tempo di osservare l’attacco di tre leoni ad un povero gnu che in un batter d’occhio si divoreranno per poi lasciarne la carcassa con ancora un po’ di carne alle iene, agli sciacalli, agli avvoltoi che gia’ si aggirano impazienti pregustando il loro momento.

     

    Risaliamo per fermarci a godere della vista panoramica sul bordo del cratere, il sole è splendente ed il cielo limpidissimo..facciamo delle fotografie spettacolari..il nostro safari sta per terminare, dormiamo nuovamente al villaggio Karatu.

     

    Giorno 7 – RITORNO A CASA

     

    Ci dirigiamo verso l’areoporto, facendo una sosta per salutare i bambini della scuola di Arumeru, con le lacrime agli occhi lasciamo Ibrahim e facciamo il check-in, i miei compagni non finiscono piu’ di ringraziarmi per aver organizzato questo viaggio per loro, grazie comunque anche all’esperienza dell’agenzia di Arusha che ha guide esperte che sanno farti vivere un safari emozionante, confortevole e con costi abordabili, e che dire si torna alla vita quotidiana sognando il prossimo safari.

     

    MARINA

     


     

    CHI SONO

     

    Io sono Marina, piemontese,
    impiegata nella grande distribuzione ed appassionata d’Africa, faccio
    parte di una ONLUS, aiutiamo bimbi in Burkina Faso, Tanzania e
    Madagascar…